condividi su

Pubblicazioni / La Grande Madre / Overview

Attraverso le opere di centoventisette artiste e artisti internazionali, La GrandeMadre analizza l’iconografia e la rappresentazione della maternità nell’arte del Novecento, dalle avanguardie fino ai nostri giorni. Dalle veneri paleolitiche alle “cattive ragazze” del post-femminismo, la storia dell’arte e della cultura hanno spesso posto al proprio centro la figura della madre, simbolo della creatività e metafora della definizione stessa di arte. Archetipo e immagine primordiale, la madre e la sua versione più familiare di “mamma” sono anche stereotipi intimamente legati all’immagine dell’Italia.

Pubblicato in occasione della straordinaria esposizione curata da Massimiliano Gioni (direttore artistico della Fondazione Nicola Trussardi di Milano e del New Museum di New York), promossa da Comune di Milano Cultura, ideata e prodotta dalla Fondazione Nicola Trussardi insieme a Palazzo Reale per Expo in città 2015, il volume è dedicato al potere della donna: partendo dalla rappresentazione della maternità,

La Grande Madre passa in rassegna un secolo di scontri e lotte tra emancipazione e tradizione, raccontando le trasformazioni della sessualità, dei generi e della percezione del corpo e dei suoi desideri attraverso le opere di alcuni fra i principali artisti del Novecento quali Marcel Duchamp, Man Ray, Umberto Boccioni, Louise Bourgeois, Frida Kahlo.

Curato da Massimiliano Gioni e Roberta Tenconi e preceduto dalle prefazioni di Giuliano Pisapia, Filippo Del Corno, Domenico Piraina e dall’introduzione di Beatrice Trussardi, il volume presenta i contributi di Massimiliano Gioni (La Grande Madre), Lucia Re (Mater–Materia), Adrien Sina (Valentine de Saint-Point), Ruth Hemus (Figlie nate senza madre), CalvinTomkins (Nostra Signora dei desideri), Whitney Chadwick (I doni delle donne), Guido Tintori (In nome della Madrepatria), Matteo Pavesi (Scene madri), Marco Belpoliti (Mitografia della Madre), Raffaella Perna (Il potere del secondo sesso), Pietro Rigolo (“La Mamma” di Harald Szeemann), Lea Vergine (L’altra metà dell’avanguardia), Barbara Casavecchia (The Imitation Game).
Il volume si chiude con i testi monografici su artisti, figure, temi e opere in mostra e l’elenco delle opere esposte.


2015, Skira / Fondazione Nicola Trussardi
Edizione italiana e inglese
21 x 28 cm, 400 pagine, 277 colori, brossura
ISBN 978-88-572-2956-0 I, -2860-0 E